giovedi 23 aprile > h 22.00>24.00 > Ex Ospedale dei Bastardini (sala allagata)
venerdi 24 aprile > h 19.00>24.00
sabato 25 aprile > h 19.00>24.00


Xavier Le Roy (D/F)

Untitled (2005-2015)
living installation, prima italiana

Untitled (2005-2015) è un oggetto ai limiti della indefinibilità, pensato come una situazione in cui lo spettatore/visitatore decide un proprio tempo e luogo. Uno spazio buio è l'ambiente in cui si sviluppa questa coreografia di figure umane che attivano delle zone di sfocatura, creando uno stato di 'insicurezza ontologica' tra persone e cose, tra soggetto e oggetto, tra attivo e passivo. E' una situazione che invita a sperimentare l'indeterminatezza come espediente per contrastare il bisogno di conoscere il futuro e controllarlo, e per negoziare tra una serie di dicotomie: pubblico e privato, spettatore e performer, finzione e realtà, vita e morte. E' proprio nello stazionamento che si rende possibile la creazione di configurazioni temporanee, in cui ognuno - insieme ad altri - forma una comunità compositiva e percepisce il buio del proprio tempo come qualcosa che non cessa mai di coinvolgerlo.

ideazione Xavier Le Roy
con Scarlet Yu, Silvia Costa, Xavier le Roy 
pupazzi Coco Petitpierre
organizzazione Vincent Cavaroc, Fanny Herserant - Illusion & Macadam
produzione Le Kwatt
coproduzione Théâtre de la Cité Internationale (Paris), Festival d'Automne à Paris 2014, PACT Zollverein (Essen), Kaaitheater (Brussels), Festival Theaterformen (Hannover)
col supporto di NATIONALES PERFORMANCE NETZ (NPN) International Guest Performance Fund for Dance, sovvenzionato dalla commissione Cultura e Media del Governo Federale su accordo con il German Bundestag
Le Kwatt è sostenuto da Direction Régionale des Affaires Culturelles d'Ile-de-France